Home Recensioni Didattica Recensione: Canti in scena

Recensione: Canti in scena

Cristiana Voglino, Canti in scena

(«Il Giornale della Musica», n. 196, settembre 2003)


Canti in scena, opera di Cristina Voglino dall’eloquente sottotitolo Manuale per la creatività (Torino, Musica Practica 2002, 232 pp., con cd allegato, Euro 25,00), si legge facilmente, è bene organizzato e di semplice utilizzo anche da parte di chi le note non le sa leggere. Rivolto ad insegnanti, operatori teatrali, animatori, educatori, può risultare altresì molto utile al “creativo” direttore di un coro di voci bianche. Un’originale classificazione pone i canti in relazione con il corpo, la voce, lo spazio creativo, lo spazio scenico.

Oltre a specifici percorsi per lo sviluppo della tecnica vocale, vi sono molte pagine dedicate ad azioni didattico-espressive. Accanto ai mille spunti per giocare in modo costruttivo con la voce modulata, per «stimolare la voglia di pensare a ciò che si sta cantando» e l’attenzione al contenuto e alla forma, per avvicinarsi al mondo del canto corale come «espressione di un gruppo», Canti in scena si propone come strumento ricco di indicazioni e percorsi per chi debba utilizzare la musica e il canto per un’animazione o una rappresentazione teatrale. Le indicazioni «per progettare un programma didattico» risultano efficaci per formulare gli obiettivi, preparare gli incontri di canto e le relative scalette di intervento.


«Monviso», gennaio 2010

Il libro che recensiamo questa settimana, dal titolo “Canti in scena” (pag. 228, euro 25,00) di Cristiana Voglino, è edito da Musica Practica di Torino. Voglino è cantante, attrice, danzatrice e musicista. Dal 1984 conduce corsi e seminari di didattica teatrale e musicale in Italia e all’estero, in ambiti differenziati: dalla scuola dell’obbligo alle sedi universitarie, dalle scuole di teatro a quelle di formazione musicale. Dal 1990 collabora con Assemblea Teatro di Torino. “Canti in scena, manuale per la creatività”, vuole essere un omaggio alla didattica e alla formazione musicale, creativa, motoria ed espressiva, rivolta ad insegnanti, educatori, animatori, operatori teatrali, per la realizzazione di attività ricreative, che lavorano nelle Scuole Materne ed Elementari o nei centri educativi. L’autrice è molto brava nella stesura di manuali, dove al primo posto vi è il bambino con una “neonata” biografia musicale. Il bambino già nella pancia della mamma ascolta, scopre suoni e rumori. Attraverso le classiche canzonette popolari, come “La zia di Forlì”, “Il cocomero”, Filastrocca dell’alfabeto”, “La zanzarina”, “Citty citty bang bang”, “Le mani”, “La ballata del Gambamoscia”, “In mezzo al prà”, “To stop the train”, “Vent fin”, “Papaveri e papere”, “La casetta in Canadà”, “È Natale”, “Spettacolo” ed altre ancora riesce ad esprimere l’armonia e lo star bene con la musica. Il libro risulta essere adatto anche per inventare un musical teatrale con una scenografia colorata di mille sfumature, magari con l’aiuto di un esperto. Acquistabile nelle migliori librerie o richiedibile sul sito www.musicapractica.it.

Ariele G.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LA SCHEDA DEL LIBRO

 

SlideShow Pro

Novità
  • Misura e Dismisura
  • C'erano una volta i Fiati
  • Studi elementari per trombone e ottoni bassi

Benvenuto sul sito della casa editrice Musica Practica. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Cliccando su ACCETTO acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.